top of page

Come difende il Venezia di Paolo Vanoli?

Oggi condividiamo con voi l'analisi tattica creata dal nostro collaboratore Davide Canto sul Venezia di Paolo Vanoli che ben sta figurando nel campionato cadetto.


Anche se è solo al suo secondo ruolo come primo allenatore di una prima squadra, Paolo Vanoli non è un nuovo arrivato come allenatore.


Il 51enne è un ex allenatore giovanile e assistente della nazionale italiana, oltre ad essere stato collaboratore tecnico di Antonio Conte durante i suoi mandati al Chelsea (a partire dal 2017) e all’Inter (dal 2019-2021).


Dopo aver assunto il suo primo ruolo di allenatore con lo Spartak Mosca nel 2021/22 - guidandoli alla vittoria in Coppa di Russia - Vanoli è stato chiamato a prendere in carico il Venezia in Serie B, con la squadra appena retrocessa che ha avuto un inizio disastroso per la stagione 2022/23 che li ha visti nella zona retrocessione in B al momento dell'arrivo dell'ex assistente di Conte.


Vanoli ha dato una svolta significativa la scorsa stagione quando ha preso l’incarico, guidando infine la sua squadra verso un ottavo posto - ancora al di sotto di dove i Leoni Alati puntavano in classifica, ma è stato un finale rispettabile dato il contesto nel loro terribile inizio di stagione.


Paolo Vanoli ha instillato alcuni principi chiari nella sua squadra in tutte le fasi del gioco, come fa qualsiasi allenatore quando gli viene dato il tempo di mettere davvero il timbro sulla propria squadra.


I principi difensivi che ha portato a Venezia, in particolare, sono stati efficaci...


La fase difensiva del Venezia di Paolo Vanoli

Paolo Vanoli è un mister flessibile, anche se la sua squadra ha utilizzato esclusivamente una linea difensiva a 4 giocatori.


4-3-3 così come 4-4-2 e 4-2-3-1 i sistemi di gioco utilizzati maggiormente.


I Leoni Alati hanno mantenuto la quarta percentuale media più alta di possesso (52,3%) in B.


Pressione

Per cominciare, il Venezia ha gestito una pressione molto ben organizzata.


Ancora una volta, la forma effettiva in cui hanno impostato è variata a seconda del gioco e dell'avversario, ma i principi fondamentali del Venezia sono rimasti coerenti, e la qualità con cui questa squadra ha applicato la visione difensiva dell'allenatore ha giocato un ruolo importante.


Come accennato, abbiamo visto il Venezia giocare con il 4-3-3 (o una variazione del 4-3-3) molte volte in questa stagione.


In fase di non possesso palla, tre difensori diventano estremamente stretti, cercando di congestionare il centro del campo e costringere l'avversario a giocare la palla ai terzini.


La squadra avversaria che gioca la palla in ampiezza è, quindi, il segnale per andare a pressare per la squadra di Vanoli, che cercherà sempre di usare la catena laterale per recuperare la palla tramite una pressione aggressiva sugli esterni.


Vediamo un esempio di come si svolgerà la pressione del Venezia, mentre gli avversari giocano la palla al loro terzino destro: il centrocampista centrale agirà in modo aggressivo e chiuderà il ricevitore, mentre i primi tre rimangono stretti, ognuno dei quali segna un'opzione di passaggio vicina, inclusi entrambi i centrali.


Il resto del centrocampo si sposterà per mantenere una distanza abbastanza ravvicinata dal centrocampista che pressa.


Allo stesso tempo, anche i quattro difensori si spostano in zona palla, congestionando lo spazio disponibile per il portatore di palla per scegliere potenzialmente un passaggio sicuro, facendo il possibile per togliere quella possibilità.


Un criticità di questo approccio è che permette all'esterno e al terzino avversario di godere di molto spazio, e se l'avversario riesce a effettuare un passaggio, questo può mettere la squadra di Vanoli in difficoltà.


Tuttavia, il compromesso è che congestionando lo spazio intorno al portatore di palla, negando tutte le opzioni di passaggio vicino e inseguendo in modo aggressivo il portatore di palla stesso, il Venezia può recuperare molti palloni generando molte situazioni da gol.


Con tutti i sistemi di gioco sopra citati.


Il principio è quello di creare densità centralmente prima di aumentare significativamente l'intensità della pressione sul possibile ricevitore della palla, quando gli avversari giocano in ampiezza, rimane costante per la squadra di Vanoli.


Il Venezia di Paolo Vanoli


Qui, vediamo un atteggiamento compatto del Venezia; cioè spingere la squadra avversaria a giocare in ampiezza, questa volta in zona di metà campo.


L'obiettivo far giocare palla verso l'esterno offensivo e quindi il terzino sinistro del Venezia è l'opzione migliore per andare a chiudere la giocata avversaria.


Nel frattempo, tutte le altre opzioni di passaggio vicino sono bloccate, quindi il centrocampista avversario è costretto ad abbassarsi per poter ricevere la palla centralmente.


Il Venezia di Paolo Vanoli

Quando la palla viene giocata centralmente da parte degli avversari; al ricevitore viene immediatamente sradicata palla. Il Venezia, con questo atteggiamento, non ha dato al ricevitore la possibilità di alzare la testa e guardare quali opzioni avrebbe avuto avere.


La pressione aggressiva del Venezia è ottima per creare situazioni come questa in cui molti dei loro giocatori sono in una posizione simile, disponibili per intrappolare un avversario per recuperare rapidamente il possesso, ed è ottimo per costringere l'avversario a decisioni affrettate.


Contropressing

La contropressione costante è una caratteristica della squadra veneziana: una pressione aggressiva immediatamente dopo aver perso la palla per generare una propria possibilità di gol riconquistando la palla in alto e successivamente attaccando una difesa impreparata, senza coperture preventive.


Vanoli chiede alla propria squadra di portare molti giocatori, in parte con l'obiettivo di creare densità in zona palla e, in caso di recupero, creare opportunità di gol, ma anche con l'obiettivo di avere molti giocatori che, qualora perdessero palla, vadano immediatamente a volerla recuperare.



Il Venezia di Paolo Vanoli


Nelle immagini sopra il Venezia ha giocato una palla lunga, che viene intercettata dal difensore avversario che trova un proprio compagno al limite dell'area di rigore, ma è qui che il Venezia diventa immediatamente più pericolosa.


Perché?


Perché non appena quel giocatore avversario controlla la palla, il Venezia chiude le vicine opzioni di passaggio ed, allo stesso tempo un giocatore uscirà forte in pressione.


Con questo tipo di atteggiamento il Venezia costringe gli avversari a lanciare lungo e, per la squadra di Vanoli che ha guadagnato molto terreno, è un aspetto fondamentale per dare il via a un attacco posizionale.


Questo è un eccellente esempio di come una squadra possa tenere l'avversario in uno spazio ristretto tramite contropressione costante e aggressiva .


Se il Venezia avesse riconquistato il possesso del gioco qui, l’avversario non avrebbe avuto la prontezza ed il tempo per una nuova riorganizzazione difensiva.


Abbiamo detto in precedenza che i centrocampisti centrali del Venezia sono spesso incaricati di pressare in modo aggressivo e molto alti durante la costruzione avversaria e a metà campo mentre la linea in avanti rimane stretta.


Due giocatori fondamentali per mantenere questa attitudine offensiva sono sicuramente Tanner Tessmann e Gianluca Busio.


Entrambi forniscono un eccellente livello di lavoro difensivo per Vanoli ed entrambi i giocatori sono estremamente attivi anche nella contropressione del Venezia. Non a casa l'analisi delle heatmap fornisce sempre come risultati il primo terzo di campo avversario come zona di maggiore pressione del Venezia.


Il Venezia di Paolo Vanoli


Ora, con l'impegno di molti giocatori in avanti nelle fasi di progressione e creazione, ci potrebbe essere il rischio che l'avversario sia in grado di riconquistare la palla in anticipo - dai centrocampisti profondi del Venezia, per esempio - o sarà in grado di lanciare rapidamente la palla in campo dopo averla riconquistata in profondità per sfruttare la loro linea di difesa indebolita.


Mentre Venezia gioca la palla a centrocampo nella fase di progressione, il ricevitore viene immediatamente espropriato e inizia a portare la palla in avanti nella metà dei Leoni Alati.



Il Venezia di Paolo Vanoli

Al Venezia di Paolo Vanoli piace molto attaccare con entrambi i terzini nella fase offensiva in aggiunta ai centrocampisti centrali più avanzati oppure con un solo centrocampista se operano con un doppio attaccante.


Spesso rimangono con solo tre uomini dietro - i loro due difensori centrali e un centrocampista in possesso.


Nell'occasione dell'immagine sopra il portatore palla gioca una palla filtrante, con un passante, in zona intermedia di sinistra andando a dare vita ad un 1v1 con il difensore centrale destro del Venezia.


Se chi riceve palla supera il diretto avversario si ritroverà direttamente a tu per tu con il portiere.



Difendere in profondità

La squadra di Vanoli continuerà essenzialmente a utilizzare la stessa modalità che utilizza quando difende nella metà campo avversaria o, addirittura, nel primo terzo di campo avversario.


Tuttavia, in genere, manterranno il loro centravanti circa a metà strada come punto d'uscita in caso di recupero palla e avessero bisogno di un riferimento centrale.


Il pensiero comune sarà quello di chiudere il più possibile l'attacco alla profondità avversario restando però compatti centralmente.



Il Venezia di Paolo Vanoli

I centrocampisti del Venezia svolgoo un ruolo vitale nella loro difesa alla profondità.


Qui, vediamo il terzino avversario che riceve in zona laterale di sinistra: il Venezia "manda fuori" la mezzala destra in un duello difensivo 1v1.


Per evitare che un avversario si smarchi dietro il centrocampista, il terzino destro dei Leoni Alati si sposta all'interno per assorbire il movimento.



Il Venezia di Paolo Vanoli

Il difensore centrale destro del Venezia deve uscire dalla linea difensiva per chiudere il possessore palla con il centrocampista di Vanoli che resta dietro per chiudere.


Questo dopo aver visto il terzino destro uscire; ha preventivamente iniziato ad abbassarsi.


La sua presenza nella linea di difesa si è rivelata vitale per impedire all'avversario di entrare in una posizione davvero pericolosa.


È comune vedere i centrocampisti del Venezia andare a chiudere gli spazi quando la loro squadra deve difendersi in profondità.


Soprattutto ultra spronati dal tecnico Paolo Vanoli, che richiede ai giocatori vicini al portatore palla avversario di andare a chiudere qualsiasi opzione di passaggio.


I giocatori a palla lontana forniscono copertura quando necessario, come in questo caso - un perfetto esempio del lavoro di squadra difensivo che Vanoli vuole vedere dalla sua squadra.


I blocchi del centravanti saranno inevitabilmente molto utili per il Venezia quando dovrà difendere in profondità.


Conclusione

Per concludere questo articolo di analisi tattica sull'approccio del Venezia Paolo Vanoli c'è da citare un dato: ha la quarta squadra più giovane della Serie B (25,4 anni di media).


Vanoli richiede un alto tasso di lavoro, energia, organizzazione, attenzione e disciplina dai suoi giocatori nelle fasi difensive.


L'organizzazione difensiva per il Venezia di Vanoli è uno degli aspetti fondamentali.


532 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page